blank

Lo studio

Ponti & Partners rappresenta l’evoluzione dello Studio legale Ponti, fondato dall’avv. Luca Ponti. Negli anni, i collaboratori storici, gli avvocati Luca De Pauli, Paolo Panella e Francesca Spadetto, sono diventati parte integrante di una struttura che, nell’armonia della cooperazione e del lavoro di squadra, ha trovato la sua dimensione ed il suo optimum.

continua

I professionisti

Peculiarità dello studio legale Ponti & Partners è l’offerta di un servizio tempestivo, accurato e continuo di consulenza e assistenza giudiziale e stragiudiziale, per la migliore soluzione di casistiche multidisciplinari, grazie all’ampio e diversificato patrimonio di competenze del suo team di professionisti.

continua

Le novità

12 lug 2018

Legalcommunity Italian Awards - premiato Luca Ponti

L’avv. Luca Ponti è stato insignito del premio Legalcommunity Italian Awards 2018 come “Avvocato dell’Anno Penale Societario – Friuli Venezia Giulia”.

Motivazione: "Noto e stimato penalista alla guida di uno Studio multidisciplinare che negli anni ha saputo crescere e rafforzare il proprio posizionamento eccellente oltre la territorialità d’origine."


Il prestigioso premio, dedicato ai protagonisti del mondo legal in Italia, si rivolge a Studi e professionisti eccelsi che hanno competenze di altissimo livello e che affiancano quotidianamente le eccellenze del tessuto economico e produttivo del Paese.

Le premiazioni si sono svolte il 12 luglio a Casina di Macchia Madama a Roma. Davanti a una platea di circa 300 persone sono stati premiati 35 protagonisti, tra studi e professionisti, della consulenza legale e fiscale operativi su tutto il territorio nazionale, in tutte le regioni italiane.

04 apr 2018

Piano di risanamento attestato in aiuto all’impresa in difficoltà

Il ricorso ad un piano di risanamento attestato ha senso che avvenga qualora l’impresa si trovi già in una situazione di difficoltà, nel momento in cui l’insolvenza si sia già manifestata occorre invece far affidamento ad altri strumenti/istituti. Si tratta di uno strumento volto al risanamento dell’esposizione debitoria e al riacquisto dell’equilibrio finanziario.

Il Decreto Sviluppo del 15 giugno 2012 contiene importanti novità in materia concorsuale/fallimentare:


1.    La designazione dell’attestatore compete al debitore

2.    È richiesta la verifica della veridicità dei dati aziendali e della fattibilità del piano da parte di un professionista

3.    Garanzia di indipendenza del professionista regolamentata dall’art. 67, comma 3, lett. d), art. 28 lett. a) e b)

4.    A conferma della centralità del ruolo dell’attestatore nelle procedure alternative al fallimento è stata prevista una specifica fattispecie di reato all’art. 236 bis L.F. a carico del professionista attentatore in caso di falso in attestazioni e relazioni.


A seguito dell’esame economico-finanziario con ausilio di un advisor finanziario, verrà redatto un piano industriale, corredato da business plan e piano finanziario da presentare ai creditori. Inizia un confronto con il ceto bancario sul contento del piano e un professionista ne attesterà la la fattibilità e la veridicità.

L’impresa può pertanto negoziare con i maggiori creditori un accordo che consenta il superamento della crisi e ripristini l’equilibrio economico-finanziario.








04 lug 2018

L'edilizia irrilevante: le disposizioni dell'art. 1, comma 2 del d.lgs. 222/2016 e relativa attuazione. Impatti nella disciplina regionale

L'avv. Luca De Pauli sarà relatore al convegno "L'edilizia irrilevante: le disposizioni dell'art. 1, comma 2 del d.lgs. 222/2016 e relativa attuazione. Impatti nella disciplina regionale" che si terrà venerdì 13 luglio 2018 alle ore 11.00 nel Salone di Rappresentanza del Palazzo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia a Trieste.               

                 

La complessità, la lunghezza e la imprevedibilità dell’azione amministrativa si traducono in un rischio amministrativo (CGA 4.11.2010, n. 1368), che soffoca l’iniziativa privata e deprime gli investimenti.
In quest’ottica, gli istituti di semplificazione hanno rappresentato, a partire dagli anni novanta del secolo scorso, un obiettivo qualificante del programma complessivo di riforma della pubblica amministrazione, tanto da diventare principio fondamentale dell’ordinamento giuridico, di rango comunitario e nazionale.
Tra i più importanti istituti generali di semplificazione del procedimento amministrativo si pone la segnalazione certificata di inizio attività che ha avuto ampia applicazione in campo edilizio, nel quale più recentemente, con l’art. 1 d.lgs. 222/2016, si è sancita la irrilevanza di tutta una serie di interventi di varia entità, che il legislatore ha apparentemente esonerato da qualsiasi atto di previo assenso o anche avviso alla pubblica amministrazione.
L’incontro si propone di analizzare gli impatti, anche nell’ordinamento regionale, di questo ultimo trend di semplificazione e deprocedimentalizzazione, nelle diverse implicazioni di ordine amministrativo, civile e penale.

Di seguito il programma              


15 lug 2018

Messaggero Veneto, "OSCAR FORENSI A PONTI E CAMPEIS. STUDI FRIULANI PREMIATI A ROMA"